Corinto

Se siete diretti ad Elafonissos

merita una sosta il canale di Corinto, il capoluogo della regione, città di una importante storia archeologica. L’opera più grande della regione della Corintia è lo stretto di Corinto che collega il Peloponneso con l’Attica, ed è senza altro un must andare ad ammirare quest’ opera dall’alto, sperando che passi qualche nave, osservando da un lato e dall’ altro i due mari ai due imbocchi del canale.

Il golfo di Corinto è quella parte del Mar Ionio che separa il Peloponneso dal resto della Grecia continentale. Il golfo propriamente detto è delimitato ad ovest dallo stretto di Rion, che lo separa dal golfo di Patrasso nel punto in cui sorge il ponte Rion-Antirion, e ad est dall’istmo di Corinto; 

ll canale di Corinto presenta una curiosità ingegneristica unica al mondo. Alle due estremità sono stati realizzati due ponti che si immergono completamente in acqua favorendo il transito delle navi,. I ponti funzionano anche in caso di guasto meccanico o di mancanza di energia elettrica, immergendosi automaticamente sfruttando la forza di gravità. Il procedimento inverso avviene attraverso un meccanismo basato su 4 colonne sollevatrici capaci di riportare la struttura a livello stradale.