· 

Percorsi da escursionismo-trekking

Vigla

Il percorso "Balconi di Elafonissos". Ideale per escursioni e alpinismo in montagna,

Inizia dal villaggio dell'isola , si continua in salita verso una strada periferica 1,5 km dalla costa occidentale, 

Qui, la tradizione locale ritiene che ci fosse il santuario della dea Atena (costruita intorno al 10 ° secolo aC), come cita Pausania. 

Tra la grotta e le rovine c'è un altro sito tipico pre Ellenico.

A circa 2 km dall' insediamento si erge il monte Vigla (Vìgla), su un altopiano che domina la splendida baia di Vatika, la baia di Laconia ed il villaggio di Elafonissos.

 

Vardia

Seguendo il sentiero a sud-ovest, si raggiunge Vardia. E' la montagna più alta di Elafonissos, circa 276m, nel centro dell'isola.

Il nome deriva dalla parola veneziana "Vardia" che significa guardia, con una magnifica vista sull'isola di Citera e la penisola Malea, tutta l'isola di Elafonissos, Gytheio, Mani, Anticitera e quando il cielo è limpido si intravedono le montagne dell'isola di Creta.

Il nome è stato dato dalle guardie che facevano in modo di avvisare il resto degli abitanti sui possibili pericoli di pirati o navi nemiche. Anche nella seconda guerra mondiale, Vardia è stato utilizzato come un osservatorio per proteggere gli abitanti dalle incursioni ed attacchi da Gytheio. Si racconta che dopo i segnali della guardia gli abitanti lasciarono il villaggio e si nascosero nelle grotte invisibili. Si dice anche che nella parte superiore di Vardia ci sia un un cratere profondo comunicante con il mare . Leggenda narra che il flauto di un vecchio pastore sia caduto in questa cavità e si sia ritrovato dopo pochi giorni in mare.

 

Αlternativamente, si può seguire un percorso libero:

facilmente raggiungibile da un sentiero che parte dalla parte Ovest della spiaggia di Simos grande, verso una grotta ben visibile, proseguendo verso il cielo, attraversando l'altura si arriva in vetta.

 

La montagna più alta, nel centro dell' isola di Elafonissos : Vardia⛰

Il nome deriva dalla parola veneziana che significa guardia, proprio perché fu utilizzato come osservatorio per proteggere gli abitanti dalle incursioni. 🔭

Con una magnifica vista di Citera, la penisola Malea ed accompagna gli occhi dentro un panorama mozzafiato dell’intera isola a 360°.

Agliftis- agios patapios

Amici camminatori🚶‍♂️

Elafonissos regala meravigliosi scenari per voi.

Dopo la spiaggia di Panagia , di fronte al capo Tainaron, si trova una piccola isola chiamata Agliftis, raggiungibile anche in barca.

Di fronte troviamo l'omonima spiaggia, l'unica formata da sabbia e da piccole incredibili pietre levigate.  

Si percorre un sentiero da Avlaki a Panagia, immerso nel verde della macchia mediterranea, tra le rocce scolpite da madre natura, racconti isolani narrano di grotte di difficile accesso, abitate da rarissimi pipistrelli bianchi.

 

Una scenografia a tratti rocciosa e rude come lo spirito dei suoi abitanti che qui raccolgono il sale e in pellegrinaggio si rivolgono al santo patrono della chiesa. Per chi ama la solitudine fatta di paesaggi aspri e mistici.

Si tratta di un percorso di 3 km, adatto per escursionismo.

Calcolate anche il tempo di ritorno seguendo lo stesso percorso.

Partenza: Katonisi

Ai margini della spiaggia di Panagia, si trova Avlaki, una roccia in mare che somiglia ad un molo naturale. A destra e a sinistra l'acqua è profonda, mentre nel mezzo l'acqua è poco profonda formando così un canale.

Passiamo il primo capo (Kàvos Kassèllas), che si trova di fronte all' omonima isola, e seguiamo il sentiero sabbioso.

Più a sud troviamo Drizous (Drìzous), un luogo fatto di grotte e terreno roccioso. Qui c'è acqua dolce accumulata in vasche naturali. Tutta questa zona si chiama Kakovraha (Kakòvraha, che significa rocce cattive).

La zona che troverete ad inizio sentiero si chiama Fidospilia , ricca di caverne e grotte inesplorate di stalattiti, fossili e leggende isolane, nelle grotte di questa zona i pastori mettevano i loro animali.

Continuando il percorso, troviamo la piccola cappella di Agios Dimitrios (Άgios Dimìtrios).

Proseguendo accanto alla spiaggia, prima dell' isola di Agliftis (Aglìftis), incontriamo Alatsospilies (Alatsospiliès), un punto dove si formano piscine di sale naturale che gli isolani puntualmente raccolgono. 

Continuiamo a sud, dove il sentiero diventa più piacevole, e ci troviamo al mare, sulla spiaggia di Agliftis e l'isola omonima. Da lì parte una vecchia rete stradale dalla riva e si perde nel mare che segna il grande valore storico di questo luogo.

Là si trova la pittoresca e solitaria chiesetta di Agios Patapios (Άgios Patàpios), costruita nel 1960.

Alla fine della spiaggia di Agliftis, un grande cedro salino accompagnerà il vostro riposo sotto la sua ombra.

Dopo di che c'è una spiaggia sabbiosa chiamata Ammouditsa (Ammoudìtsa). piccola spiaggia

L' ultima fermata della destinazione sono le coste sud-occidentali primitive con bellezza naturale selvaggia nella zona chiamata Cholokouras fatta di variegate pietre colorate.

 

 

Fonte storica: elafonisos.inspace

Camminando con La Fra

 

Grazie all'aiuto dell'isolano Ioannis Megris.